Chirurgia Estetica   Medicina Estetica   Trattamenti Laser   Trapianto di capelli  
Scegli il tuo Chirurgo estetico

Chi è il chirurgo plastico

In questa pagina cercheremo di approfondire chi è il chirurgo plastico, quali differenze esistono rispetto al chirurgo estetico, e qual'è il percorso professionale che il medico deve seguire per diventare chirurgo plastico.

Il medico chirurgo che si è specializzato in chirurgia plastica è definito chirurgo plastico.

L'attività di lavoro del chirurgo plastico è svolgere interventi di chirurgia plastica (che a loro volta possono essere interventi di chirurgia plastica-ricostruttiva o di chirurgia plastica-estetica).
E' importante ricordare che la chirurgia estetica e la chirurgia plastica in Italia possono essere praticate da tutti i Medici Chirurghi, i quali possono essere sia specialisti in chirurgia plastica (chirurgo plastico) che specialisti in altre discipline (es. chirurgia generale, ecc..) oppure ancora senza alcuna specializzazione particolare, ma semplicemente laureati in Medicina e Chirurgia.
I medici non specializzati in chirurgia plastica, ma che svolgono questo tipo di disciplina, sono definiti in modo convenzionale chirurghi estetici.
Il termine chirurgo estetico è appunto una convenzione che indica tutti i medici, siano essi specializzati in chirurgia plastica che non, che svolgono interventi di chirurgia estetica, mentre il termine chirurgo plastico è riservato esclusivamente ai medici specializzati in chirurgia plastica.

Vediamo insieme quali sono i percorsi professionali possibili per diventare chirurghi plastici, iniziando innanzi tutto dalla laurea.

Il percorso professionale del chirurgo plastico

Il percorso professionale del medico chirurgo prevede un ciclo di studi Universitari di 6 anni presso un facoltà di Medicina e Chirurgia, al termine del quale vi è un esame di laurea, seguito pochi mesi dopo da un esame di abilitazione alla professione.
A quel punto il neo-laureato può definirsi Medico Chirurgo, in quanto si è laureato (Dottore) in medicina e Chirurgia.
Oltre alla laurea e all’esame di abilitazione, per svolgere la professione medica e per poter operare, è necessario essere iscritti presso l' Ordine dei Medici della propria Provincia.

A questo punto il Dottore potrebbe iniziare ad operare, ovvero a svolgere gli interverventi di chirurgia plastica ed estetica, in quanto altri requisiti non sono richiesti, ma solitamente egli dovendo imparare l’arte della chirurgia plastica-estetica e dovendo acquisire un’esperienza personale prima di operare in modo autonomo, può iscriversi ad una scuola di specializzazione in chirurgia plastica presso un ospedale italiano o all’estero, oppure imparare la professione in modo autonomo, ovvero frequentando altri chirurghi plastici e/o frequentando dei corsi o dei master in Italia o all’estero.

Ma ricordiamo che per diventare chirurgo plastico è necessario iscriversi e frequentare una scuola di specializzazionepresso un reparto di chirurgia plastica in Italia, della durata di cinque anni, al termine del quale vi è un esame finale da superare.
Anche se nessuno può assicurare che uno specialista in chirurgia plastica sia certamente più bravo ad operare rispetto ad un non specialista, è certo che egli abbia frequentato per almeno cinque anni dei reparti di chirurgia plastica e abbia sostenuto gli esami per conseguire il relativo diploma di specializzazione.

E' molto importante saper scegliere il chirurgo plastico a cui affidarsi.
Tale valutazione va fatta in base a dove ha studiato il medico, e presso quali istituti, ospedali o case di cura ha lavorato e presso i quali si è formato la propria esperienza e la propria professionalità. Inoltre va valutato molto attentamente il curriculum professionale del chirurgo e quindi le scuole di specializzazione, master, corsi e congressi di aggiornamento, ecc.. che ha seguito e frequentato.

Vedi un ulteriore approfondimento sui chirurghi plastici
Privacy policy | Cookie Policy | Disclaimer | Contatti